REGIONALI 2015, IL SEGRETARIO GIACOPETTI: “IL VOTO PREMIA IL PD DI PERUGIA E I SUOI CANDIDATI”

Giacopetti-300x189PERUGIA – “Dopo la dolorosa sconfitta alle amministrative dello scorso anno, il Pd di Perugia ha scelto di rimettersi in piedi attraverso un percorso, spesso non facile, di radicamento, rinnovamento e ricostruzione, con un coraggio e una lungimiranza che oggi vengono riconosciuti e premiati dall’esito del voto”. Così il segretario del Pd di Perugia Francesco Maria Giacopetti a commento del dato sulle regionali 2015. “E’ evidente – aggiunte Giacopetti – che rimane molto da fare, ma il dato che le urne ci hanno restituito stanotte ci dice che siamo sulla giusta strada e ci racconta di un Pd in salute. Mentre il partito del sindaco Romizi passa dall’11,72% all’8,3%, la coalizione guidata da Catiuscia Marini vince a Perugia di quasi 600 voti, e il Pd, con il 35,12%, consolida il suo consenso rispetto al 33,23 del 2010 e al 35,04 del primo turno delle amministrative 2014.Le preferenze espresse invertono, in primo luogo, una tendenza che negli scorsi anni ha visto, in città, il prevalere di candidati non espressione del territorio; premiano, in secondo luogo, la scelta di rinnovamento e apertura alla società civile fatta dall’Assemblea comunale del Pd del capoluogo, con un concorso significativo all’elezione del segretario regionale Giacomo Leonelli e l’elezione di una figura di alto profilo come Attilio Solinas; non possiamo non rilevare, inoltre, che l’altra candidatura espressione dell’Unione comunale, quella di Simona Marchesi, ha ottenuto un risultato importante e la sua presenza in lista ci ha riconciliati con una larga parte di elettorato che fa riferimento, in particolare, al mondo del lavoro.

Consensi consistenti sono stati, infine, indirizzati a candidature di espressione regionale che attestano elementi di rappresentatività nei confronti della città. Ai consiglieri regionali eletti vanno i migliori auguri, miei e del Pd di Perugia, per un buon lavoro. Le politiche regionali sono vitali per la crescita e lo sviluppo della nostra città e sono certo che i nostri consiglieri sapranno rappresentare al meglio le istanze di Perugia e dei suoi cittadini”. “Le positività emerse, però – continua Giacopetti – non possono farci dimenticare alcuni elementi di preoccupazione. Il primo riguarda il dato sull’affluenza: cala la partecipazione al voto e questo ci richiama a una responsabilità alta e urgente, quella di ristabilire un legame sempre più solido con le persone, ascoltando e interpretando necessità e bisogni”.

“Altro dato che suscita preoccupazione – sottolinea Giacopetti – è rappresentato dalla crescita esponenziale della Lega di Salvini; un segnale che dovremo saper cogliere e cui dovremo rispondere lavorando sempre più e meglio sui valori che contraddistinguono il nostro impegno, sulla solidarietà, l’accoglienza, il civismo, la parità, l’uguaglianza, il rispetto e l’allargamento dei diritti”. “Infine: i perugini ci hanno fatto un’apertura di credito che dovremo dimostrare, nei mesi e negli anni a venire, di meritare, mettendo da parte tatticismi e logiche poco comprensibili per impegnarci in una politica fatta nella città, con la città, per la città. Il percorso verso la rivincita è solo all’inizio”.