Perugia merita di più e di meglio.

La sfida del PD a Romizi e al centro-destra per una Città migliore

Siamo molto preoccupati per la nostra Città, perché un Sindaco che a diversi mesi dalle elezioni passa le sue giornate a fare propaganda elettorale, anziché governare ed occuparsi del degrado e dell’insicurezza crescenti, dello sviluppo e del lavoro mancanti, del decoro urbano non pervenuto,ha perso il senso del suo ruolo e dell’Istituzione che ricopre.

Perugia merita di più e di meglio. La strategia dell’assenza, spesso praticata in questi anni davanti ai problemi e alle questioni cittadine più scottanti, ci riconsegna una la Città che dopo la “cura” Romizi risulta immobile, chiusa in se stessa, più provinciale, meno europea e meno solidale.

Sabato scorso eravamo in piazza, insieme alle tante donne, uomini e famiglie perugine che hanno a cuore una Città e un Paese dei diritti, per denunciare i contenuti reazionari del d.d.l. Pillon. Ad un Sindaco di tutti dovrebbe stare a cuore l’interesse prioritario dei minori così come la sofferenza e il dolore delle persone che vedono andare in frantumi il sogno di costruire una famiglia. Purtroppo, dobbiamo constatare che a tutto questo il Sindaco Romizi, la sua Giunta, le consigliere e i consiglieri di maggioranza, la cui assenza non faceva certo onore all’Istituzione che rappresentano, preferiscono gli interessi economici e patrimoniali degli adulti pur di tener salda l’alleanza con la Lega di Pillon.

Esiste un’altra Perugia, alternativa a quella rappresentata in questi anni dal centro-destra e dalla Giunta Romizi, che è pronta a lanciare la sfida sui temi concreti, sul presente e sul futuro della Città, con idee, progetti e visione. Ignorarla, o peggio denigrarla, non fa onore a chi dovrebbe essere il Sindaco di tutti, ma nei fatti preferisce esserlo solo dei suoi fans.

A noi interessa migliorare Perugia mettendo al centro le persone e i loro bisogni, costruire sviluppo, nuove opportunità e nuovo lavoro utilizzando i migliori strumenti di partecipazione e di coinvolgimento dei cittadini accantonati in questi ultimi anni. È diffuso in Città un grande bisogno di cambiamento, per interrompere il declino a cui la Giunta di centro destra la sta condannando; saranno i perugini a scegliere chi è attaccato alla poltrona e chi vuole cambiare passo, con nuovi metodi, nuove idee, nuovi programmi e nuove persone.