GIACOPETTI, SEGRETARIO PD: “I CIPPI DELLA MARCIA SU ROMA RESTINO DOVE SONO”

PALAZZO DEI PRIORIPERUGIA – “Il dibattito avvenuto questa mattina a palazzo dei Priori intorno alla proposta di spostare, al fine di valorizzarlo, il cippo commemorativo della marcia su Roma al centro della nuova rotatoria tra strada dei Loggi e via Volumnia a Ponte San Giovanni ha qualcosa di surreale oltre che di preoccupante”. Così il segretario del Pd di Perugia Francesco Maria Giacopetti, che spiega: “Innanzitutto perché attesta che al governo della città c’è una destra fortemente ideologizzata, in barba ai proclami di civismo sentiti in campagna elettorale; quindi perché si confonde il valore storico di un’opera col suo portato simbolico, che con l’approvazione dell’odg di Tracchegiani si vuole speciosamente sottolineare. Questo non solo non fa onore alla maggioranza di governo, in particolare nell’anno in cui si celebrano i 70 anni della Liberazione e della Resistenza, ma è irrispettoso nei confronti della storia di una città come Perugia, città democratica e antifascista, terra di Capitini e della pace”. “E’ nostra ferma volontà – ancora Giacopetti – dunque, ribadire che rispettare il valore storico e artistico di un manufatto non significa dare nuovo lustro alla sua simbologia, tanto più quando questo tende a risaltare (o esaltare?) un fatto ‘buio’ per la nostra storia”. Ecco che, allora, forse per la prima volta dall’inizio di questa legislatura, mi trovo a concordare con le parole dell’assessore Francesco Calabrese: sarebbe più opportuno concentrare l’impegno dell’amministrazione nella realizzazione di un simbolo che sia davvero unificante per tutta la città. Rilancio: perché non organizzare un concorso di idee tra gli studenti delle scuole – conclude il segretario – magari di quelle di Ponte San Giovanni, con la collaborazione, anche in fase di realizzazione, dell’Accademia di Belle Arti?”.